PER NOI SARA' SEMPRE E COMUNQUE UN DISASTRO AMBIENTALE

PER NOI SARA' SEMPRE E COMUNQUE UN DISASTRO AMBIENTALE
PER NOI E' STATO E SARA' SEMPRE UN DISASTRO AMBIENTALE

sabato 4 febbraio 2017

A LA SPEZIA INFORMAZIONE E' UN PROBLEMA

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Sussiste un problema nell' Informazione Locale ?

MI PARE EVIDENTE !!

L' informazione non può essere solo Sondra Coggio .. c' è bisogno di uno standard migliore: maggiore competenza, meno superficialità ed equidistanza ..

Basta titoli sensazionalistici!
Basta sciocchezze virgolettate mai pronunciate!
Basta articoli mignon senza né capo né coda.!

Noi non abbiamo mai chiesto delle scuse ! Non ce ne facciamo di nulla, sappiamo bene che da Lor Signori non arriverebbero ..

Noi non chiediamo giri di vite alle amministrazioni ma vogliamo fortemente che i governi di questo territorio cadano, lasciando il posto ad altri più capaci.

Non ci illudiamo certo che chi ha dettato le linee guida del Piano Industriale di Acam cambi posizione. A Saturnia si vuole una grande discarica punto e basta .. essa potrà essere al tempo stesso di Servizio e  di Smaltimento di Rifiuti Speciali n.p.

Parole come riqualificazione, ripristino ambientale e messa in sicurezza sono ripetute come un mantra e costituiscono una vergognosa presa in giro per i cittadini da anni beffati da montagne di menzogne.

A leggere il francobollo che ci ha riservato l' articolista Marco Toracca pare che le mie preoccupazioni siano i mancati introiti al sodalizio Acam- Minelli&Colicchi in caso di parere VIA negativo della Regione.

Durante l' intervista ho spiegato molto chiaramente che esiste un problema di reperibilità dei materiali che si ipotizza di conferire nella nuova discarica di Saturnia > FOS e Terre da Scavo. Ho dettagliato molto bene le quantità in gioco rifacendomi al progetto del Proponente: 57000+ 57000 ton/anno per 7anni !!

Inoltre ho chiarito che i costi di conferimento/smaltimento della FOS dovranno accollarseli gli utenti e ciò poteva essere evitato se in ambito provinciale avessimo già raggiunto il 65% di differenziata traguardo che in molti Comuni è già stato superato e che risulta un limite di Legge ( L. 221/2015 ) per il 28/12/2017.

Dunque per il già citato Sodalizio non si può parlare di mancati introiti ma di previsioni sbagliate ( SU QUESTO PONEVO L' ENFASI!!! ) a meno che una volta aperta una Discarica per Rifiuti Speciali N.P. da 700mila mc. non si cambino i termini della questione.

Ad ogni modo di questo ragionamento, nel pezzo capolavoro di Marco Toracca non c' è nemmeno l' ombra .. e non si parla neppure della difficoltà di reperimento delle Terre da Scavo di cui avevo trattato. Quelle disponibili sul territorio sono già state assegnate ad altri siti: la Ruffino Pitelli, il Molo Mariperman e la Cava di Pian di Balè.

E che dire dell' Opzione Zero ( previsto per legge ) che Acam e Proprietà non hanno neppure preso in considerazione ..? nell' articoletto in predicato non se n' è fatto alcun cenno! Eppure anche in questo caso nella conferenza ho illustrato quello che per noi è lo scenario alternarivo più sensato, considerato che:

- esistono nella parte bassa dell' ex discarica gli spazi per ricollocare i 52 mila mc di rifiuti abbandonati nella seconda metà degli anni '80

- la Natura ha già riambientalizzato quasi integralmente il sito di Saturnia

- l' Opzione Zero è la sola accettata dalla Comunità.

Durante l' intervista ho anche fatto riferimento alla durata dell' intervento voluto dagli Enti a Saturnia. 7 anni che rischiano magari di raddoppiare per la mancanza di materiali da conferire sono davvero troppi .. parlare di bonifica o recupero ambientale a suon di rifiuti speciali è assolutamente surreale.

Inutile dire che anche questa ulteriore riflessione è finita nell' oblio..
 
 
 
 
 
 

Nessun commento: